Studio Simonetti

Progettazione - Catasto

Estimo - Assistenza Fiscale

Dott. Geom. Roberto Simonetti

robertosimonetti.vpsite.it

Dichiarazione di Successione

I chiamati all'eredità (per legge o per testamento e i legatari, anche nel caso di apertura della successione per dichiarazione di morte presunta, ovvero i loro rappresentanti legali devono presentare la dichiarazione di successione che dal 23 gennaio 2017 ,per le successioni aperte a partire dal 3 ottobre 2006, devono essere presentate per via telematica utilizzando i servizi online dell'Agenzia delle Entrate (Fisconline e Entratel) o per il tramite dell'ufficio territoriale competente in base all'ultima residenza del defunto, che trasmette la dichiarazione predisposta dal contribuente. Sono esonerati dall'obbligo di dichiarazione il coniuge e i parenti in linea retta del defunto, se l'attivo ereditario non supera il valore di 100.000 euro e non comprende beni immobili o diritti reali immobiliari.

Il nuovo modello è composto da più quadri, contrassegnati da una lettera e da un titolo, nei quali vanno indicati gli eredi e i legatari, l'attivo ereditario (costituito da immobili e diritti reali immobiliari, azioni, titoli, quote di partecipazione non quotate in borsa né negoziate al mercato ristretto, aziende, altri beni), le donazioni e le liberalità effettuate dal defunto e le passività. L'ultima parte è, invece, riservata all'ufficio.

Quando nell'attivo ereditario è presente un immobile, prima di presentare la dichiarazione di successione occorre autoliquidare le imposte ipotecaria, catastale, di bollo, la tassa ipotecaria e i tributi speciali. Per il versamento di questi tributi va utilizzato il modello F24.

Entro 30 giorni dalla presentazione della dichiarazione è necessario presentare la richiesta di voltura degli immobili agli uffici provinciali - territorio dell'Agenzia.